Il filo di Nortia: Il Regno della Luce di Jenna Wolfhart (Serie The myst king #2)

 



Per tutta la vita, Tessa ha vissuto nell’ombra del crudele re dei fae.
Quando ha provato a ribellarsi, ha fallito miseramente.
Ora, Tessa è intrappolata nelle segrete di Albyria e costretta a sposare Re Oberon. Sarà legata al nemico per l’eternità se non riuscirà a scappare.
Ma qualcuno di più pericoloso le dà la caccia nei suoi sogni: il Re delle Nebbie. Pretende delle risposte, e lo stesso vale per lei.
Quando le nebbie cominciano a penetrare nel Regno della Luce, sembra che ciò che era ritenuto impossibile sia appena accaduto.
Le barriere protettive di Oberon si sono infrante. E questo può voler dire solo una cosa: il Re delle Nebbie sta arrivando.
E ora la domanda è: sta venendo a salvarla o per vendicarsi?


Finalmente riesco a parlarvi del secondo volume della Serie “The Myst King” di Jenna Wolfhart, “Il Regno della Luce”, un romanzo fantasy che segue le vicende dei protagonisti principali: Tessa e Kalen.

Dopo un finale che ci aveva lasciato con il fiato sospeso, questo secondo volume si conferma essere anche più bello del primo.

Attraverso una penna chiara e decisa, con un worldbuilding che davvero incanta, gli intrecci narrativi finalmente prendono forma e gli stessi personaggi mostrano una maturazione diversa rispetto agli eventi del primo volume. 

La relazione tra Tessa e Kalen è totalmente diversa dalle vicende precedenti.  Ho davvero amato l'evoluzione della loro relazione. Grazie a questa connessione vediamo un lato più umano e generoso di lui, e uno più forte e consapevole di lei. Avere qualcuno con cui combattere le proprie battaglie ti cambia e come se non bastassero i problemi attuali, anche il passato con i suoi segreti sembra infierire. Ma loro sembrano esserci l'uno per l'altro. È impossibile non farsi coinvolgere dagli eventi grazie al ritmo incalzante ed emotivamente altalenante. Ti senti risucchiata come se stessi davanti al "Pensatoio di Albus Silente" e a fine lettura c'è sempre quella tristezza, consapevoli di dover aspettare per tornarci dentro. 

“𝐍𝐨𝐧 𝐬𝐚𝐩𝐞𝐯𝐨 𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐜𝐢 𝐟𝐨𝐬𝐬𝐞 𝐢𝐧 𝐊𝐚𝐥𝐞𝐧 𝐃𝐞𝐧𝐚𝐫𝐞, 𝐦𝐚 𝐬𝐞𝐧𝐭𝐢𝐯𝐨 𝐜𝐡𝐞 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐨 𝐢𝐥 𝐦𝐢𝐨 𝐜𝐨𝐫𝐩𝐨 𝐞𝐫𝐚 𝐚𝐭𝐭𝐫𝐚𝐭𝐭𝐨 𝐝𝐚 𝐥𝐮𝐢 𝐜𝐨𝐦𝐞 𝐥𝐚𝐧𝐞𝐛𝐛𝐢𝐚 𝐝𝐚𝐥𝐥𝐚 𝐧𝐨𝐭𝐭𝐞.”

L'autrice stupisce ancora per come le vicende evolvono in qualcosa di mai scontato. La presenza di alcuni flashback è una chicca in più per il lettore più avido che vuole conoscere anche i dettagli delle leggende e miti citati. 

Tante risposte vengono date ma altrettante domande vengono poste. I miti e le leggende stanno tornando e questa parte degli dei e di come si intrecciano alla famiglia di Tessa e alla base della storia mi affascina molto. 

Tra i protagonisti secondari mi sono mancati gli amici della cerchia ristretta di Kalen che, in qualche modo, solo verso la fine ritroviamo più di frequente e con piccole nuove aggiunte.

I familiari di Tessa, invece, continuo a ribadire che non mi fanno impazzire e sono contenta della scelta dell'autrice di tagliarne alcuni. Sto ancora aspettando di comprendere il loro ruolo effettivo, oltre ad essere uno dei talloni d'achille di Tessa.

Lo stesso Re Oberon sconvolge. Il suo background lo definirei impensabile e complicato rispetto agli altri. Si evince il cambiamento del personaggio ed è difficile guardarlo al di fuori dello schema di cattivo.  Sulla regina Hannah, vorrei aggiungere tante cose ma, siccome non voglio fare spoiler, mi terrò queste considerazioni per le sue prossime mosse ma, vi avverto, il suo personaggio potrebbe scioccare. 

Come sempre l'autrice non ci risparmia i finali da cliffhanger, ciò nonostante chi siamo noi per non amarla ?

Una serie che crescendo migliora in ogni sfumatura e che a mio parere davvero vale la pena di recuperare. 

A presto.





 


Nessun commento


FOLLOW US ON INSTAGRAM

FOLLOW US ON TIKTOK